Pubblicato da: infoparco | luglio 28, 2007

Bertolaso sul Pollino

incontro_bertolaso.jpg

Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Guido Bertolaso, ha effettuato, nel primo pomeriggio di oggi, una ricognizione sui luoghi degli incendi, nel Parco Nazionale del Pollino. Bertolaso, accompagnato dall’assessore regionale all’Ambiente della Calabria, Diego Tommasi e dal Commissario straordinario dell’Ente Parco Nazionale del Pollino, Domenico Pappaterra, ha detto ai giornalisti, che “sono andati distrutte diverse migliaia di ettari, ma fortunatamente, grazie all’attaccamento degli uomini del Corpo Forestale dello Stato i danni sono stati limitati”, evitando d’intaccare le zone più pregiate del Parco.
Bertolaso ha lodato l’azione e la passione espressa da tutti nel fronteggiare l’emergenza “dall’ultimo agente forestale – ha dichiarato – all’assessore Tommasi”, ma ha anche convenuto sulla necessità di potenziare l’organico delle forze che operano per la tutela del territorio, argomento che affronterà, ha riferito, con i direttori dei ministeri interessati.
Sui nuovi servizi da predisporre nei mesi di agosto e di settembre per evitare l’insorgere di altre drammatiche emergenze ha riferito che se ne occuperanno l’assessore Tommasi insieme con il Commissario del Parco, Pappaterra. Così come riguardo lo stato d’emergenza decretato dal Consiglio dei Ministri, Bertolaso ha detto che servirà a predisporre “tutte le misure necessarie perché questa sberla possa servire per il futuro”.

Per il Commissario dell’Ente Parco, Pappaterra, la visita di Bertolaso, al quale ha rivolto il suo ringraziamento “è la dimostrazione concreta dell’attaccamento del Capo della Protezione civile al Parco – che lo stesso Bertolaso ha definito “uno dei più belli e grandi d’Europa”.
“Da oggi maturerà – ha dichiarato Pappatera – una nuova consapevolezza nella direzione di un coordinamento migliore e più efficace, che sia in grado di difendere l’ambiente”.

Bertolaso è giunto in Calabria, a Lamezia Terme, dove si è imbarcato su un elicottero AB212 dell’Aviazione dell’Esercito del 2° Reggimento “Sirio” di stanza a Lamezia Terme e dopo una ricognizione in volo sui luoghi interessati dagli incendi, nell’area del Pollino, è atterrato al vivaio “Pavone”, dell’Afor, da dove si è spostato verso l’hotel Regina, di Campotenese, nel comune di Morano Calabro (CS). Qui ha dapprima tenuto un incontro operativo al quale, oltre Tommasi, e Pappaterra, hanno preso parte Giuseppe Graziano, dirigente dell’Assessorato regionale all’Ambiente, il Coordinatore del CTA del CFS del Parco, Giuseppe Melfi e il vice questore aggiunto Vincenzo Perrone, e poi ha incontrato i giornalisti.

Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: