Pubblicato da: infoparco | agosto 10, 2007

Provincia di Cosenza e Parco insieme per lo sviluppo

Nuova occupazione nel Parco nazionale del Pollino, utilizzando i fondi strutturali 2007-2013; eventi per i giovani residenti nei centri montani interni; riqualificazione e migliore utilizzazione – anche per la prevenzione degli incendi – degli ex Lavoratori Socialmente Utili dell’area protetta; interazione tra Parco del Pollino e Distretto Agro alimentare di qualità di Sibari.
Sono stati questi alcuni degli argomenti affrontati stamani durante un incontro svoltosi nella sede dell’Ente Parco, a Rotonda (PZ), dal Commissario del Parco, on. Domenico Pappaterra e dall’assessore provinciale al Lavoro e alle Politiche giovanili, di Cosenza, prof.ssa Donatella Lauadadio.
L’amministratrice cosentina ha rivolto gli auguri a Pappaterra dicendosi convinta del fatto che con la sua presidenza l’Ente potrà trasformarsi in una vera “Agenzia di sviluppo” essendo Pappaterra persona di qualità e del territorio. Lauadadio ha, quindi, riferito che è allo studio della Provincia di Cosenza la possibilità di attuare un progetto Interreg sui Parchi della provincia (Sila e Pollino). L’idea, sulla quale ha concordato Pappaterra, è di creare un progetto integrato per lo sviluppo che a partire dai fabbisogni formativi e lavorativi delle aziende, in queste settimane monitorate dalla stessa Provincia di Cosenza, sia in grado di creare delle professionalità operanti nel campo dell’ambiente e in quello storico-culturale. Pappaterra e Laudadio hanno concordato sulla necessità di istituire un tavolo per la predisposizione di un progetto – che sarà convocato ai primi di settembre – al quale parteciperà il Settore Programmazione Europea della Provincia di Cosenza e che dovrà coinvolgere anche la Provincia di Potenza. Anche la pianificazione – è stato detto – dovrà essere concordata tra i tre Enti.
Riguardo gli incendi si è ipotizzata una campagna di prevenzione e di educazione alla prevenzione da svolgere nelle scuole. Per tale attività si pensa anche all’utilizzazione degli ex LSU del Parco che potranno essere riqualificati sia per l’attività di educazione che per quella più operativa di vigilanza del territorio e di pulizia del sottobosco. Sempre riguardo gli incendi Laudadio ha chiesto al Parco di sollecitare i Comuni al rispetto della legge del 2000 che prevede la mappatura delle superfici percorse dal fuoco, il cosiddetto “Catasto” e si è detta d’accordo con Pappaterra riguardo l’attuazione dei “contratti di responsabilità” con le associazioni.
Infine l’assessore Laudadio, ha chiesto al Parco di partecipare all’evento “Meeting dei Monti” che la Provincia per suo tramite sta organizzando a favore dei giovani, per rivitalizzare i centri interni dei parchi del Pollino calabrese e della Sila. L’iniziativa si svolgerà a metà settembre a Castrovillari.

Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: