Pubblicato da: infoparco | dicembre 28, 2007

Tra storia e leggenda a Francavilla in Sinni

Con la nascita dell’Associazione culturale “Radici Perdute“, ufficializzata questa sera, a Francavilla in Sinni (PZ), la cittadina del Parco calabro-lucano si proietta nel panorama storico-culturale della Basilicata per sviluppare, in forza delle sue numerose risorse, un’attrazione turitica finora rimasta sotto traccia.

Nella sala Consiliare “A. Viceconte” parlando “Tra storia e leggenda“, l’Amministrazione comunale, rappresentata dal vice sindaco Domenico Maurella, il presidente del nuovo sodalizio, Filippo Abitante, il commissario dell’APT lucana, Giampiero Perri, il presidente del Parco Nazionale del Pollino Domenico Pappaterra, e il presidente della Regione Basilicata, Vito De Filippo, hanno ispirato e raccolto incoraggiamenti per proseguire sulla strada del rilancio turistico del Parco più grande e bello d’Italia. In Basilicata il rilancio turistico è ormai realtà. I dati lo dimostrano, così come le iniziative messe in campo. Suffragate dagli interventi strutturali – anche gli ultimissimi – preannunciati dal governatore De Filippo. Più di cinque milioni di euro per i comuni del cuore del Pollino lucano che si vanno ad aggiungere agli oltre due milioni stanziati per Senise, Chiaromonte e Francavilla in Sinni.

Nel Parco, secondo Pappaterra, si è sulla strada giusta. L’iniziativa di “Radici Perdute” – ha detto Pappaterra – incoraggia anche l’attività del Parco che come l’associazione e il comune di Francavilla intende rafforzare l’orgoglio e l’identità delle genti del Pollino. Riferendosi al programma di eventi che nel 2008 punterà su un appuntamento di spessore per comune, Pappaterra ha detto che senz’altro il Parco sosterrà la “Settimana del Brigante” su cui l’associazione e l’Amministrazione comunale intendono puntare per rilanciare la vocazione turistica di Francavilla e che ha già ottenuto il placet della Regione Basilicata.

Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: